0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

GIBSON

La Gibson Guitar corporation nasce oltre 120 anni fa. C'è chi dice che senza la Gibson probabilmente non ci sarebbe stato il rock. L'azienda nasce a Kalamazoo, nel Michighan, poi alla fine degli anni Settanta si trasferisce a Nashville, nel Tennessee, uno dei Templi della musica Usa. Le sue fabbriche producono chitarre acustiche, violini, banjoo, ma la sua storia è legata soprattutto alla nascita della chitarra elettrica.
USATO! GIBSON LES PAUL CLASSIC 100

USATO! GIBSON LES PAUL CLASSIC 100

€ 1350,00

La Les Paul Classic nel 2015 subisce il restyling comune a tutta la linea Gibson più recente. Si parte dallo zero fret in ottone, con cui si può regolare l’altezza delle corde ruotando un paio di viti, fino all’ologramma di Lester sul retro della paletta, per attestarne l’originalità. Queste, ovviamente, non sono le uniche due novità a disposizione della Classic. Con gli altri strumenti del 2015, condivide anche il rinnovato sistema di auto-tuning G-Force, migliorato sia dal punto di vista della precisione che della velocità. Altre chicche, come il battipenna rimovibile senza lasciare buchi e le sellette in titanio del tune-o-matic, completano la dotazione della Gibson in prova oggi. I legni scelti sono quelli ormai classici. Il body in mogano, con weight relief a 9 buchi e top in acero fiammato è incollato al manico della stessa essenza, con tastiera in palissandro. Questo a partire dal 2015 ha una superficie più ampia, mantenendo un profilo Slim Taper sottile e comodo.  L’elettronica è quella che riserva più sorprese, o meglio, quella che regala più soddisfazioni agli spippolatori seriali. La coppia di magneti scelti per la Classic sono un 57 Classic al manico e un Super 57 al ponte. Entrambi sono splittabili tramite potenziometri push-pull sui due controlli di volume. I più attenti avranno già notato che il secondo controllo di tono è stato rimpiazzato da un mini switch. Questo attiva un mid-boost, alimentato con batteria a nove volt, l’ormai celebre Turbo-boost, in grado di dare una vera sferzata alla voce dell’amplificatore. Chiudiamo con la firma di Les Paul affiancata dal numero 100, orpello estetico scelto per celebrare il centenario dell’inventore della chitarra che ha fatto la storia del rock.  ​​​​​​​Gli humbucker spingono molto, hanno una voce potente e i puliti tendono subito a sporcarsi. Ci viene in soccorso lo split, che permette di riportare il tutto alla pulizia più totale. Certo gli humbucker ammezzati non sono esattamente come dei single coil, non brillano per twang, ma sono utilissimi per smorzare l’aggressività dei magneti.  Il pick up al manico è ricco di basse, ma non risulta sbilanciato. I cantini riescono a emergere quando necessario e l’accoppiata con il Super 57 al ponte, più sguaiato e tagliente, risulta perfetta. Il crunch è un territorio di caccia ottimale per la Classic. Riesce a mettere in gioco un’ottima dinamica, che permette di gestire il suono in ogni suo aspetto. Qui si inizia anche ad apprezzare il fatto di avere un mid-boost on board. Attivandolo è come accelerare al massimo e fare urlare l’amplificatore, anche se la manopola del guadagno era ancora sotto la metà.  Pigiamo il pedale fino in fondo allora e scopriamo che la Les Paul è bella tosta. Le unghia le ha, lo avevamo già capito, ma il buon rendimento, anche sui distorti, ci lascia piacevolmente colpiti. Il boost resta ancora un’ottima arma, anche se ad alti livelli di guadagno il suo intervento si nota meno.

Aggiungi al carrello

1350,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello